Lievitati salati

TARALLI NAPOLETANI ‘NZOGNA E PEPE

 Taralli napoletani 'nzogna e pepe

Il Natale si sta avvicinando e inizio a fare le mie solite prove natalizie.

Oggi voglio preparare i Taralli napoletani ‘nzogna e pepe uno di quei finger food che troviamo nelle strade di Napoli, di cosa si tratta?

Sono semplicemente dei Taralli intrecciati fra loro, preparati con ingredienti poveri come la Sugna che le rende friabili e le Mandorle con il Pepe nero che fanno da padrone nel gusto.

Io ne preparo sempre in abbondanza, perché poi saranno i regali natalizi da consegnare agli amici e ai colleghi, sono sicura che golosi come sono li apprezzeranno tantissimo.

I Taralli napoletani ‘nzogna e pepe  fanno parte della tradizione napoletana, preparati rigorosamente con la Sugna che li rende friabili ad ogni morso, questi Taralli sono anche caratterizzati dal Pepe nero e dalle Mandorle tostate che vengono inserite nell’impasto e per ultimo messi sulla superfice per renderli ancora più decorosi.

Non voglio prolungarmi ancora per molto, quindi se volete un idea per i vostri pensieri natalizi questa di sicuro è ottima, allora possiamo allacciare il grembiule e mettiamo le mani in pasta.

Ingredienti per la pasta madre

150 grammi di pasta madre rinfrescata

300 grammi di farina 0

150 grammi di sugna (in alternativa strutto)

120 grammi di acqua (approssimativa)

100 grammi di mandorle tostate con la pelle

10 grammi di sale

8 grammi di pepe nero

50 grammi di mandorle per decorazione

Ingredienti per lievito di birra

500 grammi di farina 0

5 grammi di lievito di birra secco

 Taralli napoletani 'nzogna e pepe

Taralli napoletani ‘nzogna e pepe

Per il resto degli ingredienti seguire la ricetta sopra

Per preparare i Taralli napoletani ‘nzogna e pepe , per prima cosa in una ciotola mettiamo la farina con la sugna e la incorporiamo bene sino a renderla sabbiosa, poi tagliamo a pezzetti la pasta madre già rinfrescata (possiamo anche usare un esubero che abbia solo pochi giorni) e aggiungiamo poco alla volta l’acqua facendo attenzione di non rendere troppo molle l’impasto. Adesso aggiungiamo le mandorle tagliate in maniera grossolana con il coltello, il pepe e il sale.

 Taralli napoletani 'nzogna e pepe

Uniamo il tutto e una volta impastato gli ingredienti mettiamo a riposare dentro una ciotola oleata.

 Taralli napoletani 'nzogna e pepe

Quando l’impasto sarà raddoppiato  (circa 3 ore coperto da pellicola e in forno con lucina accesa) lo ribaltiamo sulla spianatoia infarinata e creiamo un quadrato dove poi andremo a tagliare  con una rotella da pizza 12 strisce, cerchiamo di formare un cordone, che ripiegheremo su se stesso intrecciandoli e formando poi una coroncina.

 Taralli napoletani 'nzogna e pepe

Una volta formati tutti i Taralli li disponiamo su una leccarda coperta da carta a forno e decoriamo ogni coroncina con tre mandorle intere.

 Taralli napoletani 'nzogna e pepe

Lasciamo lievitare ancora un po’ intanto che si scaldi il forno.

Per il lievito di birra il procedimento è lo stesso con la differenza che il lievito secco lo andremmo a mescolare con la farina e poi procediamo come sopra i tempi del raddoppio saranno molto più inferiori da quelli della pasta madre.

Una volta che il forno è caldo cuociamo i Taralli napoletani ‘nzogna e pepe  mettendo la teglia nella parte centrale del forno e per 15 minuti cuociamo a 180 gradi, poi altri 15 minuti a 200 gradi, 5 minuti lasciamo sfiatare l’umidità tenendo aperto lo sportellino del forno, poi chiudiamo e a modalità ventilata per 30 minuti li lasciamo asciugare bene a 90 gradi.

Li lasciamo raffreddare bene e poi li possiamo mangiare magari accompagnati da una buona birra fresca.

 Taralli napoletani 'nzogna e pepe

 

Anche oggi vi ringrazio per avermi fatto compagnia, spero di avervi ingolosito con questa ricetta, se avete dubbi potete scrivere qui nei commenti sarà mia cura rispondervi.

Vi ricordo inoltre che potete seguirmi nei vari social come la pagina di facebook

oppure sulla mia pagina di istagram e Pinterest

Potrebbe anche piacerti...

Nessun Commento

Lascia un commento